La legge di purezza della birra

La legge di purezza della birra vuole che essa venga prodotta solo utilizzando acqua, orzo e luppolo! Ci avete fatto caso che sull’etichetta di alcune birre tedesche si trova la scritta “Gebraut nach dem Reinheitsgebot” che per l’appunto significa “prodotta secondo la legge di purezza” oppure “In accordance with the Bavarian purity law” che significa “ in conformità della legge bavarese di purezza”?

Ebbene tale legge risalente al 1516 fu quella con cui Guglielmo IV di Baviera ha regolamentato all’epoca la produzione della birra stabilendo che venisse prodotta secondo delle regole precise, sia per garantirne la purezza che per altre motivazioni che hanno scatenato, come tutte le leggi, una serie di polemiche e speculazioni da cui ci teniamo alla larga.

La vera birra, quindi, secondo la legge della purezza tedesca, si fa esclusivamente con il malto d’orzo ed il luppolo che serve come conservante, a parte ovviamente l’aggiunta dell’acqua (le migliori usano addirittura acqua pura di sorgente) ed il lievito che, in realtà, è stato scoperto ed utilizzato solo nei primi dell’ottocento, fino ad allora al suo posto si usavano i fondi della fermentazione della precedente produzione ed altri intrugli vari per la sua conservazione. Attualmente invece in Germania sono permessi anche ingredienti allora proibiti come il malto di frumento o lo zucchero di canna, ma non è permesso utilizzare l’orzo che non sia maltato.

Oggi a noi sembra tutto scontato grazie alle conoscenze che abbiamo ereditato, ma in passato i nostri predecessori hanno dovuto sperimentare a lungo prima di arrivare a consegnare alla storia un prodotto che fosse una tale delizia per il nostro palato! Alcuni definiscono poeticamente la birra come “nettare d’orzo “ e siamo tutti convinti che in effetti sia senza dubbio un’invenzione che merita tutto il rispetto e la tutela dei suoi metodi di produzione per garantirci questa magnifica bevanda… dorata, effervescente, dai diversi sapori e colori, amata in tutto il mondo.

E’ bello perciò, secondo noi, trovare su alcune birre il logo della conformità alla legge della purezza, la Reinheitsgebot, una delle più antiche leggi alimentari. Poi sta a noi, come al solito, capire meglio cosa stiamo mangiando e bevendo, fare le proprie ricerche del caso e scegliere secondo i nostri gusti e le nostre esigenze. Ad esempio alcuni mettono un chicco di riso nel boccale della birra per esaltarne l’effervescenza, altri una fetta di limone per attutirla.

purezza birra 2

Si legge di mastri birrai tedeschi che usavano ed usano altri metodi di produzione per fare le loro prelibate birre ed oggi ci sono migliaia di produttori artigianali anche in Italia che creano con amore le loro birre seguendo questo o quel metodo, magari continuando a sperimentare, ad aggiungere e levare ingredienti, cercando di trovare il gusto perfetto e di soddisfare una clientela sempre più variegata ed esigente. Siamo tanti, siamo diversi gli uni dagli altri e ognuno potrà di sicuro trovare la sua birra “ideale”, il gusto che si sposa meglio con il proprio palato o con il cibo con cui vogliamo abbinarla.

Certo è che la birra oggi è divenuta una bevanda “ricreativa” se così la possiamo definire, da sorseggiare in compagnia o da soli al bancone di un pub, su una spiaggia d’estate o nelle fredde serate d’inverno di fronte al camino. Ne esistono davvero tante e gli appassionati le conoscono tutte.. tra i tipi di birra più note ci sono le Pils, le Bock, le Ale, le Weiss, le Ipa, le Witbier, le Apa, le Stout ed altre simpatiche sigle che identificano le tante varietà di birra che si distinguono in particolare per il tipo di fermentazione, poi per gli ingredienti utilizzati, il grado di acidità, il livello di alcool e tutti quei i sapori e profumi in esse nascosti.

Resta il fatto che la birra sia probabilmente una delle bevande alcoliche più antiche prodotte dall’uomo, si parla addirittura del 300 a.C.!…ed è curioso osservare come alcuni studiosi sostengono che l’invenzione della birra, insieme a quella del pane, abbia innescato la capacità dell’uomo di formare delle civiltà stabili, di diventare sedentario (e ci credo!..) ma sembra anche di sviluppare tecnologie! Che dire, la birra è sicuramente cool… e quindi non ci resta che scegliere ognuno la sua preferita, magari dando prima un’occhiata alle etichette e ricercando la storia del birrificio che la produce.

® So cool
La storia e la strada continuano…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *